Disagio adulto

Il settore Disagio Adulto unisce tutti i servizi e i progetti della Cooperativa Il Calabrone e dell’Associazione Amici del Calabrone rivolti alle persone in situazione di difficoltà temporanea o in condizioni di marginalità. Il nostro obiettivo è incontrarle, accompagnarle e limitare i rischi connessi alle situazioni di disagio.

Lo facciamo attraverso la costruzione di gruppi di lavoro con competenze multiple al fine di sostenere i bisogni. I gruppi lavorano quotidianamente in stretta connessione con altre realtà del terzo settore e con i servizi territoriali per costruire opportunità e consentire alle persone di recuperare benessere e autonomia.

Tutto questo anche grazie al grande supporto di numerosi cittadini volontari che affiancano i professionisti nella gestione quotidiana di alcuni servizi.

I nostri servizi

Rivolti alla marginalità



Scopri i progetti

Per l’accoglienza Abitativa



Scopri i progetti

Per il Reinserimento Sociale



Scopri i progetti

Gioco d’Azzardo Patologico


Dal 2019 gestiamo il servizio per il trattamento dei disturbi da gioco di azzardo patologico zer0verde. È aperto a tutti: uomini e donne residenti in Italia – giocatori e familiari e/o amici – ed è un servizio sperimentale di diagnosi e trattamento autorizzato da ATS Brescia.

Leggi di più

Ultime notizie

La Casa di Tre Bottoni vista da Agnese e Stefania

La Casa di Tre Bottoni vista da Agnese e Stefania

23 Aprile 2020

Il progetto della Casa di Tre Bottoni ha visto coinvolte sin da subito le due operatrici, Agnese e Stefania, quando ancora era in cantiere, quando la casa non aveva ancora un nome e un carattere. Hanno iniziato a costruire la casa dalle fondamenta, collaborando alla scrittura del progetto ma anche immaginando a come sarebbe diventata...Leggi l'articolo

Riprendere il filo

Riprendere il filo

27 Febbraio 2020

Venerdì 7 febbraio, per festeggiare il primo compleanno di Casa di Tre Bottoni, è andato in scena lo spettacolo “Riprendere il filo”. Il primo di tre appuntamenti in programma quest’anno per affrontare il tema dell’accoglienza e coinvolgere la cittadinanza sul progetto.Leggi l'articolo


Questo è un sito unico che richiederà un browser più moderno per lavorare! Please upgrade today!